OK

Fluidi termochimici nell'agricoltura in serra

Serra in Svizzera

Home > Greenhouse in Switzerland

Il sistema di controllo della temperatura e dell’umidità dell’aria sarà dimostrato in una serra dell’azienda Meyer Orchideen AG in Svizzera, vicino all'aeroporto di Zurigo.

Descrizione

Posizione
L'azienda Meyer Ochideen AG è un'impresa molto innovativa: è stata fondata nel 1937 e oggi produce 500.000 orchidee all'anno su un'area di 16.000 m2 in modo ecologico e rispettoso dell'ambiente. Attraverso l'istallazionedi misure di risparmio energetico come l'installazione di una pompa di calore dell'acqua di falda, un grande sistema di riscaldamento a cippato e un impianto fotovoltaico da 124 kWp, l’azienda Meyer ha ridotto negli ultimi anni il consumo di energia in modo massiccio.

Meyer Orchideen AG ha riconosciuto la tecnologia di TheGreefa come un enorme potenziale per ridurre ulteriormente il consumo di energia e aumentare la quota di energia rinnovabile utilizzabile grazie alla possibilità di avere stoccaggi energetici stagionali senza perdite.

Dimostratore
L'impianto di condizionamento ad assorbimento per serre è utilizzato per climatizzare la serra n. 12 della Meyer Orchideen AG a Wangen vicino a Dübendorf. Le orchidee di questa serra sono in fase di fioritura, che richiede un clima interno costante con una temperatura compresa tra 18 e 22°C e un'umidità relativa compresa tra il 50% e il 70%.

Le caratteristiche principali sono: :
• superficie della serra: 600 m2 ; ;
• 9 unità di condizionamento (assorbitori) da 8kW ciascuna di potenza termica, ciascuna per ca. 50 m2 di superficie dei tavoli di piantagione;
• presa d'aria all'altezza del soffitto, uniformemente distribuita sui tavoli di piantagione;
• integrazione del controllo della temperatura del Fluido Termochimico (TCF) con il circuito di riscaldamento esistente e con il sistema di acqua di pozzo;
• chiusura dei tavoli di piantagione, distribuzione dell'aria sotto i tavoli;
• de-assorbitore e serbatoi di TCF concentrato e diluito installati all'esterno a servizio di tutti i 9 sistemi
• integrazione dell'assorbitore con un sistema di raffrescamento evaporativo posto direttamente sui tavoli di piantagione;
• allacciamento all'impianto di prodozione di energia rinnivabile già esistente (caldaia a legna, pompa di calore acqua di falda, pannelli fotovoltaici e acqua di pozzo);
• schermi ombreggianti aperti e chiusi automaticamente per proteggere le colture dall'irraggiamento solare e per ridurre le dispersioni termiche attraverso il tetto durante le ore notturne;
• depositi temporanei per TCF concentrato e diluito;
• TCF utilizzato: MgCl2.

Il dimostratore funzionerà in modalità completamente automatica per un periodo di prova di almeno un anno. Il TCF sarà rigenerato nel de-assorbitore collegandolo al sistema di riscaldamento a CO2 neutro della serra (caldaia a legna, pompa di calore acqua di falda e pannelli fotovoltaici).

Le proprietà del TCF immagazzinato in serbatoi di plastica situati all'esterno della serra saranno analizzate periodicamente, per garantire che non vi sia degrado e per dimostrare che il TCF può essere utilizzato come mezzo di stoccaggio stagionale senza perdite di energia.